Vinyasa Yoga

Il Vinyasa yoga (comunemente chiamato Yoga-dinamico) non è una moda del momento  e neanche uno stile di yoga inventato per gli occidentali ; piuttosto, è uno dei tanti aspetti dello yoga tradizionale che merita di essere conosciuto o integrato nella propria pratica  .

Vinyasa è la pratica delle asana sostenute dal un ritmo costante del respiro; è una pratica intensa , a differenza dello Hata Yoga, più dolce e rilassante, ma che consente attraverso il sudore di purificare il corpo dalle tossine.

La pratica del Vinyasa deriva dall'Ashtanga-vinyasa di Pattabhi-Jois, discepolo del grande maestro Krishnamacharya

Il maestro Krishnamacharya (1888-1989) di Chennai, studiò con il maestro Sri Ramamohan Brahmachari tra le montagne Himalayane per più di 7 anni

Tra i suoi discepoli più importanti ci sono BKS Iyengar a cui fu affidato il compito di preservare la tradizione dello Hata-yoga ; suo figlio TKV Deshikachar che preserva la tradizione del Vini-yoga (lo Yoga terapeutico) e Sri K.Pattabhi Jois che ha diffuso in tutto il mondo la tradizione dell’ Ashtanga-Vinyasa-yoga .

 Quest’ultimo compilò un testo “Yoga-Mala” sulla base delle istruzioni orali ricevute dal suo maestro .

Il concetto di Vinyasa, però, non è un’esclusiva dell’Ashtanga-vinyasa-yoga: lo Yoga in generale , ha sempre incorporato nella pratica elementi di Vinyasa e di esecuzione dinamica delle Asana basti pensare alle varie sequenze del saluto al sole (Suryanamaskara).

Perciò il Vinyasa-yoga è un “ingrediente” fondamentale della pratica dello yoga in generale praticato in tutto il mondo , con grandi benefici sia a livello fisico, sia a livello spirituale .